Info: +39 393 06 57 029

News

News
« Precedente

Phishing: False e-mail dall’Agenzia delle Entrate

Truffe via e-mail per i Rimborsi fiscali 2014-2015, il phishing sta colpendo in questi giorni diversi cittadini

L’Agenzia delle Entrate con un comunicato stampa del 13 agosto mette in guardia i contribuenti riguardo al pericolo di furto di dati personali, attraverso false e-mail relative ai rimborsi IRPEF e IVA 2015.

Fate attenzione alle e-mail con oggetto: “Rimborso fiscale per 2014-2015” che promettono comunicazioni di rimborsi

Le e-mail ingannevoli, apparentemente provenienti dall’indirizzo “Agenzia delle Entrate”, sono relative ad un rimborso fiscale per l’anno 2014-2015.
Il contribuente viene invitato a cliccare su un link “Accedi al tuo rimborso fiscale” che rimanda ad una pagina web dove si chiede di inserire alcune informazioni personali, tra cui i dati della carta di credito. Come si legge nel comunicato “l’Agenzia delle Entrate informa di essere del tutto estranea a questi messaggi e raccomanda, a chiunque dovesse riceverli, di non dare seguito al loro contenuto”.

Si tratta, infatti, di un tentativo di phishing, una truffa informatica attuata con lo scopo di ottenere illecitamente i dati personali dei cittadini. I malintenzionati imitano l’aspetto di comunicazioni ufficiali e utilizzano il logo dell’Agenzia per rendere più credibili le e-mail. L’Agenzia delle Entrate tuttavia precisa che “non richiede mai informazioni sulle carte di credito e non invia comunicazioni via e-mail relative ai rimborsi”. (Fonte)

Come Funziona il phishing, clicca per approfondire

Il processo standard delle metodologie di attacco di phishing può riassumersi nelle seguenti fasi:
L’utente malintenzionato (phisher) spedisce un messaggio email che simula, nella grafica e nel contenuto, quello di una istituzione nota al destinatario (la sua banca, il suo provider web, un sito e-commerce a cui è iscritto).
L’e-mail contiene avvisi di particolari situazioni, problemi con il proprio conto corrente/account, offerte di denaro, rimborsi, o altro.
Il destinatario è invitato a seguire un link, presente nel messaggio, per evitare l’addebito e/o per regolarizzare la sua posizione con l’ente o la società di cui il messaggio simula la grafica e l’impostazione (Fake login).
Il link fornito, tuttavia, non porta in realtà al sito web ufficiale, ma a una copia fittizia apparentemente simile al sito ufficiale, che raccoglie i dati e le informazioni personali che l’utente fornisce pensando di essere su un sito web affidabile e sicuro
Le informazioni personali vengono memorizzate dal server gestito dal phisher che le utilizza per acquistare beni, trasferire somme di denaro o anche solo come “ponte” per ulteriori attacchi.

Quando si ricevono messaggi di questo tipo è fondamentale non cliccare su alcun link e cestinare subito la mail, per evitare che i malintenzionati possano raccogliere dati personali, in particolare il numero di carta di credito, che potranno poi sfruttare per scopi illeciti come la clonazione della carta stessa.

Vuoi richiedere i rimborsi fiscali?

In caso di dubbi o se hai bisogno una consulenza professionale, contattaci, saremo felici di aiutarti!

Contattaci


Per ottenere informazioni sui rimborsi fiscali (accredito, rimborso trimestrale Iva, canone Rai, rimborso Irap, ecc.) puoi anche visitare il sito ufficiale dell’Agenzia delle Entrate www.agenziaentrate.gov.it al seguente percorso:
Home › Cosa devi fare › Richiedere › Rimborsi

Altri articoli

« Precedente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Servizi Online

Settembre: 2019
LMMGVSD
« Dic  
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30 
shares